Mauro Casiraghi

Mauro Casiraghi è nato a Milano nel 1969. Dopo la laurea in Scrittura Creativa alla Concordia University di Montreal si è trasferito a Roma dove lavora come sceneggiatore per il cinema e la televisione. Nel 2007 ha pubblicato il romanzo La camera viola (uscito per Fazi editore) vincitore del premio Carver e del premio Carlo Cassola, ora disponibile in traduzione inglese su Amazon. Il suo secondo romanzo, Estate indiana, è in uscita per Gaffi editore.

Sempre su Kindle è disponibile l’e-book a sua curatela Interviste sull’arte di scrivere agli autori Mario Desiati, Peppe Fiore, Massimiliano Governi, Anna Mittone, Rosella Postorino, Giampaolo Simi, Giordano Tedoldi, Filippo Tuena, Sandro Veronesi, Carolina Cutolo. Il ricavato è devoluto interamente a Medici Senza Frontiere.

 

L’Estate indiana è un’illusoria tregua dall’inverno, “la breve rivolta di tutto ciò che è mortale prima di soccombere alla morsa del gelo”.

Per sfuggire alle passioni e ai turbamenti della vita, Peter ha scelto di isolarsi e vive in un cottage solitario sulle rive di Dawn Lake, in Canada, circondato da una natura maestosamente bella e indifferente. Un avvenimento improvviso lo costringe a ritornare dal padre a Milano e a rincontrare la sorella Celeste, da sempre innamorata di lui. Un ritorno a casa che si svolge in un tempo sospeso, quasi irreale, lungo quel confine misterioso che separa la vita dalla morte. Un romanzo che costringe i suoi protagonisti a scontrarsi con nodi essenziali della letteratura – i conflitti familiari, la perdita, la ricerca di identità, l’impossibilità di difendersi dal dolore che le relazioni umane comportano – portandoli ad oltrepassare quel confine oltre il quale la coscienza sembra infrangersi, per poi illuminarsi d’improvviso, come in un radioso giorno d’estate indiana.

Il secondo romanzo di Mauro Casiraghi è la storia di una fuga, un ritorno a casa in equilibrio sull’abisso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Ultimi post