Official statistics on reading in Italy

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Su Affari Italiani e su Il Tropico del libro oggi si può scaricare il rapporto “L’Italia dei libri – Un anno, le stagioni, due trimestri a confronto” del presidente del Centro per il libro e la lettura, Gian Arturo Ferrari.

Come al solito, il rapporto snocciola cifre catastrofiste senza analizzarle in maniera costruttiva.
Gli acquirenti sono scesi a 15,3 milioni (-10%), in media ogni acquirente ha speso 30,69 € ( -11%), e in totale la spesa complessiva è scesa a 471 milioni di € (-20%).
Gli acquisti su internet decollano meno del previsto (solo il 9%), aumenta la vendita di libri di autori italiani, ma poi i lettori dichiarano di leggere più o meno la metà di italiani e la metà di stranieri.

Tanto per cominciare, nella slide a pag. 18 troviamo la risposta al mistero balzato alla ribalta sui giornali qualche tempo fa “Persi 700.000 lettori”, dati riferiti a un’analisi condotta solo sul libro di carta.
Eccola, la risposta: su una base di popolazione sopra i 14 anni, 567.000 persone dichiarano di avere acquistato un e-book, e 1 milione e 100 mila di averlo letto. Facciamo la media tra le due, e otteniamo i famosi 700.000 lettori fantasma per cui ci si erano stracciate le vesti.

Conclusione, piuttosto logica: i lettori forti stanno passando in massa all’e-book.
Meglio che gli editori italiani si facciano trovare preparati.
Peccato che, in tutto il dossier, quella sia l’unica pagina in cui compare la parola “e-book”.

Tra i due articoli, quello del Tropico del Libro mette il dito sulla piaga dell’inerzia istituzionale. Letture consigliate entrambe, ma, come giustamente scrive TdL, meglio guardare i dati per farsi un proprio giudizio.


Lascia un commento


Ultimi post