I racconti della nostra Marilena Renda a fine febbraio per L’orma editore

Arrenditi Dorothy!, antologia di racconti della nostra Marilena Renda, è uscito a fine febbraio per L’orma editore.

Si riparano bambole, in questo libro ricco e strano: si pone cura, svagata e insieme puntigliosa, alle scuciture di un’esistenza alla quale si allude di continuo, ci si avvicina indefinitamente, non la si raggiunge mai del tutto. È narrativa? È poesia? Prosa in prosa? Autobiografia? Tutto questo e niente del genere. È un campionario di case di nessuno, una raccolta di favole per addormentare una bambina troppo adulta, un ricettario di paure e perversioni così piccole che inquietano davvero. È un trattato su come «immaginare la felicità che è dentro il disastro». Ed è, forse soprattutto, una dichiarazione d’amore – e d’odio – per un’arte sorella, o pallida madre, come il cinema.

Falserighe, ha sempre chiamato queste sue prose Ma­rilena Renda: riferendosi al modo in cui ciascun “pezzo” concresceva da un’immagine-innesco, un fotogramma isolato che con la storia del film da cui è tratto, forse, più nulla ha a che vedere. Eppure quelle immagini enigmatiche finiscono per sopravvivere, a distanza, nello sviluppo paradossale che, episodio dopo episodio, di questo collage sfuggente – misteriosamente – fa una storia.

http://www.lormaeditore.it/spool/9ea0a2ec4ca9b5142c00dbf12d5c8723_w_h600_mw_mh_cs_cx_cy.jpg

I commenti non sono abilitati.

Novità