Valentina Nieli

Valentina Nieli nasce a Padova nell’anno del Rocky Horror Picture Show. Indolente per natura e odiando terribilmente il freddo decide di andare a vivere in Norvegia “perché ciò che fa male è attraente, o almeno così appare”.
La sua produzione artistica è principalmente legata alla fotografia. Vince un concorso fotografico del comune di Padova con la foto “Il marchettaro”. Con lo pseudonimo di Malta Bastarda ama provocare emozioni forti e crea sempre set concettuali: “Unfair ladies”, “Perché le vacche hanno il cuore grande”, “Frantumi”, “Esopo metropolitano”, “Doll Parts”, “In-humanity mechanical skin stories”, “Queer is not weird”. Espone in Italia, Londra e Norvegia. Il suo ultimo lavoro è “Canzoni per Drella”, un film in bianco e nero che sposa musica e arte visuale.
Traduce cortometraggi e documentari dall’inglese.
Collabora spesso con compagnie teatrali, e bands. Ha tenuto un workshop al liceo Tito Livio di Padova ed è stata direttrice artistica della Kiss off night al circolo Arci Pixelle.
Partecipa a “Poco delicate” per le giornate del cinema e cultura omosessuale.
Nel fiordo dove vive fa parte di un circolo di scrittori e con questi sta producendo nuovo materiale in norvegese.
Lontana da tutto, le piace pensare di vivere in un film di David Lynch.
Scrive storie per i più piccoli in varie lingue.
Rime macabre feline (Macabre Nursery Rhymes) è un libro di filastrocche in inglese ed italiano e illustrazioni ad inchiostro da lei eseguite.

Novità